Dirette Streaming Dirette Streaming

 

A seguito della firma del DPCM 9 marzo 2020 da parte del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, gli incontri formativi territoriali già programmati da IPRASE in collaborazione con il Centro Studi Erickson sono stati trasformati in 4 incontri in diretta streaming, che hanno visto la partecipazione di tantissimi docenti, assistenti educatori e facilitatori della comunicazione e dell'integrazione.

 

La prevenzione dei comportamenti problema in classe
20 marzo 2020 (15.00-18.00)

L'incontro, condotto dall'esperto Dario Ianes, ha fornito basi teoriche, spunti di riflessione e strumenti operativi per impostare correttamente un intervento psicoeducativo nei casi di comportamenti problema all'interno della classe, come ad esempio comportamenti oppositivo-provocatori, azioni di disturbo sistematico, aggressività verbale e/o fisica, ecc.
L'esperto è partito da un'ottica di prevenzione e dal concetto di "alleanza" che sta alla base di questa proposta di intervento psicoeducativo: allearsi con la persona in difficoltà per comprendere il significato del suo comportamento, allearsi con i suoi bisogni espressi in modo problematico, allearsi tra persone di riferimento educativo per decidere una strategia comune e condividere i disagi vissuti al manifestarsi di questi comportamenti. Si è soffermato anche sulla presentazione di indicazioni operative su come osservare correttamente i comportamenti problema e come compiere un’analisi funzionale, fornendo suggerimenti per impostare diverse tipologie di intervento. Un focus particolare è stato dedicato all'uso dei diversi tipi di rinforzi e all'attuazione di punizioni. 

L'incontro in streaming ha visto 261 partecipanti.

 

Gestire i comportamenti oppositivo-provocatori
17 aprile 2020 (15.00-18.00)

L'incontro, condotto dall'esperto Gianluca Daffi, ha mirato a presentare le principali caratteristiche di bambini e ragazzi oppositivo-provocatori, riflettendo sui comportamenti che provocano l’educatore e creano difficoltà nella gestione del gruppo.
Nel corso dell’incontro sono state mostrare strategie di contenimento e riduzione di tali comportamenti finalizzate a promuovere il benessere sia del bambino/ragazzo che dell’adulto. Tra le tecniche illustrate particolare attenzione è stata dedicata a rinforzi, gratificazioni e modalità di promozione di contesti relazionali positivi.

L'incontro in streaming ha visto 676 partecipanti.

 

Disturbi di attenzione, concentrazione e autoregolazione: strategie di intervento in classe
21 aprile 2020 (15.00-18.00)

Nell'incontro, condotto dall'esperta Giorgia Sanna, partendo dall’importanza di rendere prevedibile l’ambiente e le attività ai bambini e ragazzi con deficit di autocontrollo, sono stati descritti i criteri per impostare una lezione con una struttura che supporti e sostenga l’apprendimento di tutti, con particolare attenzione a coloro che presentano difficoltà di organizzazione e cadute dell’attenzione.
È è stato approfondito in particolare il concetto di carico cognitivo e le sue implicazioni nella didattica, quindi ci si è soffermati sulla memoria di lavoro, quale funzione cognitiva di fondamentale importanza nei processi di apprendimento, e sulla sua relazione con l’attenzione.
La formatrice ha presentato esempi chiarificatori, in parte realizzati da insegnanti ed educatori, per condividere con i partecipanti spunti di lavoro concreto e facilitare la comprensione di come apprendono le persone con difficoltà di gestione delle attività scolastiche.

L'incontro in streaming ha visto 621 partecipanti.


La comprensione del testo - Come insegnare a comprendere in modo consapevole e riflessivo
28 aprile 2020 (15.00-18.00)

L'incontro, condotto dall'esperta Stefania Campestrini, ha fornito una panoramica sui costrutti cognitivi sottesi alla comprensione del testo, esplorato modalità per identificare all’interno della classe fragilità e punti di forza e presentato attività per promuovere strategie di intervento in ottica inclusiva.
La comprensione del testo è quell’abilità che consente di approcciarsi a qualsiasi testo (un brano, il giornale, una ricetta, ecc.) comprendendone attivamente il contenuto, rielaborandolo e procedendo con output frutto di rielaborazione.
E’ stato messo in evidenza come la promozione di competenze nell’ambito della comprensione del testo abbia ricadute positive su tutta la classe, sia se indirizzata nello specifico a soggetti in difficoltà che non. Saper comprendere un testo significa avere buone capacità di studio e sapersi adattare alle richieste dell’ambiente. Inoltre la maggior parte delle competenze scolastiche poggiano implicitamente sulle abilità di comprensione del testo, ne consegue quindi che buone capacità di comprensione avvantaggiano il soggetto che ne è possessore o che nel tempo ha maturato competenze per rafforzare tali abilità.

L'incontro in streaming ha visto 446 partecipanti.