Torna alla Pagina
Indietro

Scuola e bullismo: caratteristiche, conseguenze e possibilità di intervento

 

Scuola e bullismo: caratteristiche, conseguenze e possibilità di intervento

ottobre 2018
Dipartimento della Conoscenza - Via Gilli, 3 - Trento
Docenti, Dirigenti - Secondaria di primo grado, Secondaria di secondo grado, Formazione Professionale
Docenti e Dirigenti scolastici in servizio nella Provincia autonoma di Trento
Iprase

Il bullismo è divenuto nel tempo un problema sempre più grave e pervasivo che affligge molti bambini e adolescenti. “Tutti i bambini e i giovani hanno il diritto al rispetto ed a un’esistenza in condizioni di sicurezza. Il bullismo è una violazione di questo fondamentale diritto. È responsabilità morale degli adulti assicurare che questo diritto sia rispettato” (Dichiarazione di Kandersteg, 2007). Si configura come un abuso tra pari, caratterizzato dalla persistenza di comportamenti aggressivi e dallo squilibrio di potere tra vittima e persecutore/i. Lo squilibrio di potere che sottende la sua manifestazione frequentemente rispecchia il contesto culturale dove avvengono gli episodi di bullismo, contesto dove le minoranze subiscono pregiudizi e discriminazioni.
Il bullismo assume diverse forme. Tutte incidono negativamente sul benessere degli studenti ed anche in maniera  grave. Le vittime, infatti, sono colpite nella loro dimensione identitaria “in costruzione”.
Considerate anche le conseguenze a cui può portare, si tratta di un fenomeno che, con tutte le sue sfaccettature, merita sempre più la nostra attenzione, l’attenzione di quegli adulti che possono fare la differenza. Oggi, più che mai, i fenomeni sempre più diffusi di espressione del disagio giovanile, che può sfociare in veri e propri atti di bullismo, richiedono un sistema educativo proattivo che ponga in primo piano la necessità che la classe e la scuola siano luoghi di assunzione di responsabilità delle esigenze e dei bisogni dell’altro. Il workshop che si inserisce in un percorso formativo mira quindi a fornire ai docenti le conoscenze utili per saper definire e riconoscere il fenomeno, conoscerne caratteristiche e  conseguenze, unitamente a strategie utili per contrastarlo.  L'iniziativa intende essere sia un momento di acquisizione di conoscenze aggiornate e specifiche sia un'occasione di riflessione sulle pratiche educative.

 

Esperti:

EbiCo, Società Cooperativa Sociale - ONLUS
Spin-off Accademico dell’Università degli Studi di Firenze

 

NB: Si comunica che l'attestato di frequenza verrà rilasciato solamente al raggiungimento del 70% del monte ore. In caso di frequenza inferiore non verrà riconosciuta alcuna ora di aggiornamento.

CALENDARIO LEZIONI

Modulo obbligatorio

Prevenire: modelli di intervento evidence based
  • 18 ottobre 2018 dalle 14.30 alle 17.30 presso Dipartimento della Conoscenza - Via Giili, 3 - Trento (In presenza)

Modulo obbligatorio

Interventi mirati per specifiche forme di bullismo
  • 19 ottobre 2018 dalle 14.30 alle 17.30 presso Dipartimento della Conoscenza - Via Giili, 3 - Trento (In presenza)
Catia Civettini
EbiCo - Università degi Studi di Firenze
Catia Civettini: catia.civettini@iprase.tn.it - 0461494390
Termine adesioni: 2018-10-15 23:59:00.0
Per iscriverti devi essere un utente registrato. Verifica sempre che i tuoi dati siano aggiornati
Termine adesioni: 2018-10-15 23:59:00.0
Per iscriverti devi essere un utente registrato. Verifica sempre che i tuoi dati siano aggiornati