Piano Strategico
2018 – 2020

Art. 7 – DPP 3 aprile 2008 n. 10-117/Leg

Dicembre 2017

Scarica documento

Le radici sono l’intelligenza di un albero, ma la loro qualità si misura dai frutti che l’albero produce, dalla regolarità dei raccolti e dalla perseveranza nel tempo.

Le ragioni dell’autonomia trentina hanno bisogno di uno sguardo storico per essere capite e di una comprensione culturale per essere compiutamente apprezzate. Nel campo della scuola, area nella quale la Provincia autonoma ha significativi spazi di discrezionalità, la plausibilità dell’assetto funzionale, istituzionale e politico sempre più viene ricondotta ai learning outcomes di cui hanno dato, e danno, prova gli studenti trentini.

Sotto questo profilo coltivare l’autonomia richiama strategie che assicurano a tutti gli studenti condizioni favorevoli alla crescita personale e professionale, misure di intervento nelle situazioni di difficoltà e soluzioni praticabili per alimentare i talenti di ciascuno. Tutte le altre variabili riferibili alle scuole (organizzazione, disponibilità finanziarie…) o all’amministrazione vengono di conseguenza. In quest’ottica le scelte relative alle risorse professionali – docenti, dirigenti scolastici, amministratori – rivestono un carattere di assoluta priorità.

In questa ottica l’IPRASE nel corso del triennio passato ha interpretato la propria missione riunendo le diverse linee di lavoro – comunicazione, ricerca, innovazione, formazione e sviluppo professionale – e rivolgendosi alle professioni dell’educazione, dai docenti ai dirigenti scolastici, dai funzionari delle scuole ai collaboratori amministrativi. Ha così raggiunto con le proprie proposte l’80% dei propri interlocutori, avviando il regime dei crediti formativi, introducendo soluzioni innovative – borse di ricerca per insegnanti, modelli di immersione professionale come nel caso del Festival delle lingue (2015-2016) – e rafforzando la propria presenza nell’area della ricerca scientifica con la rivista Ricercazione (per la quale si è avuta conferma dello status di classe A) e con quasi quaranta rapporti di ricerca. Allo stesso tempo uno sforzo consistente, in collaborazione con le istituzioni interessate, è stato portato a termine per dotare l’Istituto delle strutture edilizie e funzionali coerenti con gli obiettivi perseguiti.

Su queste basi è stato definito il nuovo piano strategico 2018-2020 che segue la fase di decollo rappresenta il lavoro da realizzare nel prossimo triennio al servizio delle professionalità educative, delle scuole della Provincia e delle priorità indicate dal Governo provinciale.

Al domani pensiamoci oggi

Piano Strategico
2015 – 2017

Art. 7 – DPP 3 aprile 2008 n. 10-117/Leg

7  Ottobre  2014

Scarica documento

Costruire l’educazione per il futuro è la missione che abbiamo di fronte e che condividiamo con chi opera nella scuola e nella formazione; preparare oggi le generazioni per il domani è l’imperativo di chi amministra e governa, in collaborazione con chi insegna. Mettersi in viaggio, assieme, è la prospettiva di chi vede le istituzioni scolastiche e formative protagoniste del futuro come le comunità locali, le imprese, le istituzioni sociali e politiche. In squadra ognuno fa la sua parte, rispettando gli altri e dando il meglio di sé.

Per il sistema scolastico e formativo provinciale partiamo da una scuola di “sana e robusta costituzione”. Senza ottimismi fuori luogo ma anche evitando diffidenze non motivate, la conferma viene da un decennio di esiti positivi nelle valutazioni internazionali. Per garantire anche per l’avvenire i traguardi raggiunti, grazie ad anni di lavoro intenso e efficace, dobbiamo mantenere la spinta al miglioramento. Come ci insegnano politici e amministratori finlandesi, “good is not enough” e, come documentano le nuove strategie varate da paesi con elevata performance, soprattutto, il patrimonio di conoscenze e di competenze, di capacità realizzative e di potenzialità va investito per una nuova agenda da definire con lungimiranza, varare con tempestività e implementare con successo.

Il presente Piano strategico 2015-2017 indica le prospettive di continuità e di discontinuità dell’Istituto, le priorità e le misure operative che regoleranno la nostra azione nel prossimo triennio, con flessibilità ma con determinazione per garantire un efficace servizio alle scuole. La condizione dell’infanzia e dei giovani non trova un riferimento specifico, ma pervade l’intero piano in modo trasversale e prioritario, perché i giovani di oggi saranno i protagonisti di domani.