header[1]

Profilo delle politiche educative per le lingue.

Il Profilo delle politiche educative per le lingue o Language Education Policy Profile è una proposta sviluppata dal Consiglio d’Europa di Strasburgo, Unità delle Politiche linguistiche. Si tratta di un processo di auto-valutazione assistito da esperti, volto a rilevare le modalità di realizzazione della politica educativa per le lingue in una nazione, regione, provincia o città. Non costituisce quindi una “valutazione esterna”, ma l’ottica è di attivare un processo di riflessione, guidato da esperti, da parte delle autorità locali e dei membri della società civile sui processi in atto e sulle possibili evoluzioni.

I Profili elaborati e validati sino ad oggi dal Consiglio d’Europa, organizzazione che include 47 stati membri di cui 28 dell’Unione Europea, riguardano circa una ventina di paesi (es. Austria, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia), alcune regioni (es. Lombardia, Valle d’Aosta) o città (es. Sheffield) – link di riferimento del Consiglio d’Europa: http://www.coe.int/t/dg4/linguistic/Profils_EN.asp.

Grazie alla particolare attenzione dell’attuale Amministrazione provinciale in materia di plurilinguismo e nell’ambito del Piano “Trentino Trilingue”, si intende definire un Profilo delle politiche educative per le lingue anche per la provincia di Trento, sotto l’egida del Consiglio d’Europa – Unità delle Politiche linguistiche. Il Profilo per la provincia di Trento ha due caratteristiche particolari: è il primo per una provincia in Europa e parte da un Piano Trentino Trilingue già predisposto e in fase di implementazione.

Il Profilo serve quindi ad accompagnare i processi applicativi del Piano, per una loro migliore efficacia. Infatti, il processo di analisi ha un impatto positivo fornendo elementi di riflessione su come meglio implementare le attuali indicazioni di politica linguistica e identificando criticità e strategie di miglioramento.

  • Ad esempio, il Profilo può suggerire elementi di implementazione del Piano Trentino trilingue, fondato sulle più recenti ricerche in ambito CLIL, quali:
  • lo sviluppo di un coordinamento delle lingue per un approccio “globale” al curricolo linguistico;
  • la possibilità di creare servizi di supporto tecnico-professionale per sostenere i docenti in aree tecniche quali materiali, sviluppo di metodi di insegnamento, autonomia del discente, ecc., compresa la disseminazione di buone pratiche e sperimentazioni;
  • la definizione di un Quadro di riferimento per la formazione dei docenti in ambito linguistico;
  • l’analisi dell’impatto del Piano, ad esempio tramite la rilevazione delle competenze linguistiche e non di studenti e docenti.

Modalità e tempi di realizzazione del Profilo della Provincia autonoma di Trento

La definizione del Profilo delle politiche educative per le lingue per la Provincia autonoma di Trento verrà coordinata dal Dipartimento della Conoscenza e realizzata da IPRASE, con l’assistenza di una équipe di due esperti indicati dal Consiglio d’Europa – Unità delle Politiche linguistiche:

  • Prof. Jean-Claude BEACCO, Université de Paris III Sorbonne Nouvelle, esperto per le politiche linguistiche del Consiglio d’Europa
  • Prof.ssa Gisella Langé, Ispettrice Tecnica di Lingue straniere, esperta presso il MIUR per le sviluppo della metodologia CLIL e l’internazionalizzazione dei curricoli

Di seguito, le fasi di lavoro e la relativa tempistica.

  1. Pubblicazione di un Rapporto provinciale da parte di un gruppo di redazione “locale” di IPRASE, che descrive le modalità di realizzazione nella provincia di Trento di alcuni aspetti della politica linguistica – Aprile 2015
  2. Incontri con autorità politiche provinciali, amministrative, scolastiche, universitarie, con associazioni professionali, organizzazioni sindacali, associazioni di genitori e di studenti, rappresentanti del mondo del lavoro e dei media, visite a scuole statali e paritarie da parte degli esperti del Consiglio d’Europa – Maggio 2015
  3. Elaborazione di un Rapporto di consulenza degli Esperti esterni da discutere in incontri finalizzati ad approfondire aspetti di fattibilità con autorità politiche, amministrative, scolastiche, universitarie, associazioni professionali, sindacati e rappresentanti del mondo del lavoro – Giugno 2015
  4. Definizione di un documento finale: Profilo della politica educativa per le lingue/Language Education Policy Profile (Piano Trentino Trilingue) costituito dal Rapporto sulle politiche linguistiche della Provincia di Trento e dal Rapporto di consulenza degli esperti esterni, riassunti in un Documento di sintesi da proporre alla discussione elaborato congiuntamente dagli Esperti esterni in accordo con le autorità provinciali – Luglio 2015
  5. Discussione del documento finale del Profilo, validato dal Consiglio d’Europa, durante un incontro da tenersi alla presenza di rappresentati delle autorità politiche, amministrative, scolastiche, universitarie, del MIUR, di associazioni professionali, di sindacati e di rappresentanti del mondo del lavoro – Settembre 2015
  6. Trento, 16 marzo 2015