MODELLIZZAZIONE DI UN SISTEMA ORGANICO DI ORIENTAMENTO, COERENTE CON I FABBISOGNI PROFESSIONALI ESPRESSI DAL TERRITORIO E CON LE LINEE DELLA PROGRAMMAZIONE PROVINCIALE – Cod. 2011_4H.19

Il progetto intende contribuire allo sviluppo di un modello integrato di servizi di orientamento in grado di ridurre i processi di dispersione scolastica e formativa, favorire i processi di inclusione degli studenti, soprattutto nel passaggio tra il primo e il secondo ciclo di istruzione, corrispondere sempre meglio alla domanda proveniente dal mondo economico e sociale della Provincia Autonoma di Trento.

Database dei progetti di orientamento di istituto del primo e secondo ciclo di istruzione raccolti nell’anno scolastico 2011-2012.

Proposta progettuale scarica in formato PDF, leggi online

Report finale sulle attività realizzate  scarica in formato PDF, leggi online

Azzera
Risultati trovati: 748
  • La dimensione internazionale risorsa per l’innovazione delle istituzioni scolastiche e formative

    Il rapporto risponde allo scopo di inquadrare l’intera tematica relativa alla dimensione internazionale delle istituzioni scolastiche e formative, prendendo in esame lo stato dell’arte della riflessione compiuta a livello internazionale ed al contempo di fornire alle scuole ed ai cfp un utile...


  • Apprendere nelle classi difficili

    Andrea Canevaro, docente di Scienze dell'Educazione della Facoltà di Scienze della Formazione di Bologna, presenta i contenuti del seminario

    APPRENDERE NELLE CLASSI DIFFICILI
    Come costruire relazioni e apprendimenti nella comunità classe


  • Modulare la lingua in base al contesto in cui si interagisce

    Graziella Pozzo, insegnante di inglese sostiene che l'obiettivo al quale tendere nell'apprendimento di una lingua straniera sia di modulare la lingua in base al contesto.


  • La trans-scalarità della storia

    Il docente di didattica della storia, Antonio Brusa, spiega il concetto di trans-scalarità della storia.
    Si tratta di un termine difficile per definire cose molto pratiche; la trans-scalarità ci dice che la storia assomiglia a un album fotografico. Uno degli obiettivi che la comunità...


  • La storia dell'educazione, una passione

    Giuseppe Tognon, Professore di Storia dell'educazione all'Univesità LUMSA di Roma, parla della sua passione che lo ha portato all'insegnamento di questa materia. 
    “C’è un legame fortissimo tra la storia della scuola e l’evoluzione della democrazia: la democrazia, senza l’alfabetizzazione di...


  • PIANI DI STUDIO PROVINCIALI EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

    Le Linee guida per i Piani di studio degli Istituti scolastici - 1° e 2° Livello dell'Educazione degli adulti sono state elaborate all'insegna della partecipazione e condivisione dei dirigenti e degli insegnanti dei centri EDA della Provincia Autonoma di Trento.

    Sulla base delle direttive...


  • Orientarsi dopo la scuola secondaria

    Il progetto che verrà presentato in questo volume a cura di Francesca Sartori è frutto di due anni di lavoro tra una indagine che ha esplorato il “prima” del momento della scelta e la presente che ha esplorato il “dopo”. Il volume propone una serie di evidenze, raccolte su un gruppo di ex...


  • Sull'insegnamento delle lingue in Trentino

    Partendo da una descrizione delle “scuole latine” del diciottesimo secolo, il working paper ripercorre l’evoluzione dell’insegnamento delle lingue nelle scuole trentine sullo sfondo dei principali accadimenti storici fino agli sviluppi più recenti del secondo dopo guerra. Oltre al contributo...


  • Educare alla relazione di genere

    Il volume rende conto del progetto sperimentale “Educare alla relazione di genere” coordinato da IPRASE dal 2011 al 2014 in collaborazione con l’Ufficio per le politiche di pari opportunità della Provincia, con il Centro Studi interdisciplinari di Genere dell’Università degli Studi di Trento e...


  • Formazione dei coordinatori dei processi di valutazione - Edizione 2013-2014

    L’obiettivo dell'azione è quello di formare e riconoscere nella sua specificità di ruolo la figura del coordinatore dei processi di valutazione, a tal fine l'attività formativa si è sviluppata su 3 dimensioni:

    - una dimensione tecnico-metodologica, connessa alle fasi di progettazione, gestione,...


Questa iniziativa è realizzata nell’ambito del Programma operativo FSE 2007 – 2013 della Provincia autonoma di Trento grazie al sostegno finanziario del Fondo sociale europeo, dello Stato italiano e della Provincia autonoma di Trento.