Codice corso

AE.EN.25/14-15

Titolo iniziativa

TRA IL DIRE E IL FARE

Sottotitolo Paesaggi immaginari nel laboratorio di musica
Tipologia evento Workshop
Area tematica Artistico-espressivo
Destinatari Docenti di Musica Scuola Secondaria di Primo Grado
Descrizione Se le musiche hanno tra i loro scopi quello di soddisfare il desiderio dell’altrove, molto spesso le loro forme coincidono con vissuti di piacere che allentano il legame con il quotidiano. Inseguire esperienze di bellezza significa per altro cercare un certo tipo di piacere, quello gratuito del gioco delle forme, al di là o al di qua di qualsivoglia utilità o bontà. Sentire con corpo e mente, cuore e pelle, godendo al tempo stesso di visioni inattese e di paesaggi familiari, di stupori e spaesamenti legati all’imprevedibile, accanto alle gioie del ritrovare il già noto: lo sguardo meravigliato sul mondo riproduce così lo stato d’animo tipico dei bambini. Il corso propone uno sguardo panoramico su questi argomenti, fra musicologia e pedagogia, utile a tutti coloro che cercano nelle musiche occasioni di incontro e di crescita. Con il termine forme ci si riferisce essenzialmente a modi di fare, di costruire musica insieme: tecniche o tattiche che tengono conto oltre che di regole anche delle relazioni che esse mettono in scena. Felici in quanto accomodanti, accoglienti, aperte, capaci di accettare i partecipanti per quello che sono, contesti musicali in cui si può entrare facilmente e in cui si desidera rimanere, per far musica inseguendo prima di tutto un principio di piacere. In sintesi una forma è felice quando è in grado di soddisfare il piacere di farci entrare in relazione con gli altri, di facilitare la partecipazione attiva, di farci capire subito il gioco di regole presente al suo interno, facilitare la coralità, farci sentire parte di un gruppo con la nostra singolare specificità, farci sentire accettati realizzando interventi diversi sia sul piano quantitativo che qualitativo, farci sentire raccolti/contenuti/gestiti e disinvolti/liberi/spontanei. I percorsi proposti si riferiranno a un territorio transdisciplinare, definito da otto luoghi didattici: identità, corpo, voce, parole, storie, cose, paesaggi, segni. “Tutti gli usi della musica a tutti” è l’idea che sta a monte, dal bel suono democratico. “Non perché tutti siano musicisti, ma perché nessuno sia schiavo” (G. Rodari).OBIETTIVI Sperimentare il piacere di fare e ascoltare musica in modo attivo; Fare esperienze estetiche; Sperimentare varie modalità di lavoro di gruppo, riferito alle pratiche dell’esecuzione, dell’arrangiamento, dell’improvvisazione e della composizione; Sperimentare l’utilizzo creativo di musiche riferite a varie culture, generi e stili. Utilizzare voce, corpo, oggetti e strumenti per fare musica insieme. METODOLOGIA Il Workshop sarà realizzato in base alle tecniche del lavoro di gruppo e dell’animazione musicale.
Scadenza delle adesioni 12/01/2015
Sede Laboratorio di musica- Scuola Secondaria Primo Grado “Bresadola”-Via Al Torrione, 2, Trento
Enti organizzatori Iprase
Calendario 16/01/2015 – 15:00 – 18:00
17/01/2015 – 8:30 – 12:30
17/01/2015 – 14:00 – 17:00
Informazioni Elisabetta Nanni email: elisabetta.nanni@iprase.tn.it tel.: 0461 494391
ADESIONE Collegamento alla pagina di login

 


Periodo
16/01/2015 - 17/01/2015
Referente corso
Elisabetta Nanni - 0461 494391
Informazioni
Elisabetta Nanni - 0461 494391